Condividi
reply Back

I DIVERSI TIPI DI CHIAVI DI MANOVRA

Pubblicato il : 18/10/2017 10:02:31
Categorie : Guida agli utensili da lavoro , Mister Worker

Esistono moltissimi modelli di chiavi di manovra, comunemente chiamate chiavi inglesi, distinte in base all’utilizzo a cui sono destinate. Che tu sia un meccanico, idraulico, autoriparatore, gommista, o se semplicemente ti piace eseguire lavoretti in casa, è sempre utile ripassare e approfondire insieme l’utilizzo di questi utensili.

CHIAVI A FORCHETTA

Partendo dalle più utilizzate, vorrei iniziare a parlarti delle chiavi fisse a forchetta, o chiavi a becco. Queste chiavi permettono di serrare e disserrare facendo presa solo su due dei sei spigoli di un qualsiasi bullone, vite o dado a testa quadra o esagonale. In questo caso, preferisco parlare degli spigoli di un bullone, anziché delle sue facce, dal momento che, effettivamente, quando si va a serrare un bullone, la chiave a forchetta fa presa alle estremità dei due lati con cui entra in contatto. Essendo fissa, è importante ricordare che la chiave e il bullone devono essere esattamente della stessa misura, altrimenti si rischia di andare a danneggiare quest’ultimo. È inoltre opportuno dotarsi di due serie di chiavi, può capitare di dover usare due chiavi a forchetta contemporaneamente, ad esempio se si manovra un dado con bullone o con controdado.

Chiavi a forchetta USAG

CHIAVI A STELLA

Una variante della chiave a forchetta è la chiave fissa poligonale, o a stella, nome derivante dalla forma dell’anello presente all’estremità. Questa forma permette alla chiave di adattarsi a bulloni sia esagonali che poligonali, in quanto l’interno dell’anello all’estremità della chiave ha forma a dodici lati. Questa chiave, a differenza dalla precedente, permette di far presa su tutte le facce del bullone, distribuendo meglio la propria forza su tutti i lati a disposizione. In questo modo è possibile avere un’ottima presa in qualsiasi circostanza, evitando allo stesso tempo che i dadi si rovinino o che la chiave scivoli via durante il serraggio quando si esercitano grandi sforzi.

All’interno delle chiavi poligonali è opportuno fare ulteriori precisazioni. Infatti, in questa categoria si possono distinguere chiavi poligonali semplici o doppie, oppure dritte, speciali o curvate, quest’ultime chiamate anche chiavi a Z per la loro forma. All’interno della prima suddivisione, le chiavi si distinguono a seconda che sia possibile serrare da una sola estremità, nel caso delle chiavi semplici, o da entrambe, nel caso delle chiavi doppie. Per quanto riguarda la seconda suddivisione, invece, la distinzione si riferisce alla forma della chiave, in quanto, a differenza delle chiavi dritte, quelle speciali o curvate permettono di serrare in spazi angusti e di aggirare eventuali ostacoli.

Chiavi poligonali USAG

CHIAVI COMBINATE

Un’ulteriore variante è data dalle chiavi combinate. Questi attrezzi presentano un’estremità a forchetta e l’altra poligonale, e sono quindi indicate per il serraggio di dadi a testa esagonale. Ovviamente, essendo di solito di uguale misura, quando si acquista questo attrezzo, è preferibile acquistare direttamente un set, in modo da essere in grado di eseguire, all’occorrenza, più tipi di lavori diversi.

In caso tu non voglia dotarti di un intero set di chiavi, c’è sempre la possibilità di utilizzare una chiave di manovra regolabile, come la chiave a rullino, chiamata così per la possibilità di essere regolata, appunto, tramite un rullino, e quindi adattabile a più misure all’interno di un determinato intervallo. Se prevedete quindi di dover lavorare su bulloni di dimensioni molto diverse tra di loro, è probabile che vi serva comunque più di una chiave a rullino. Inoltre queste chiavi non possono essere usate per forti serraggi. Tutto dipende dalle tue esigenze!

Chiavi a rullino USAG

ALTRE CHIAVI PROFESSIONALI

Meno utilizzate, ma non per questo meno importanti, rientrano tra le chiavi di manovra anche: chiavi per raccordi, simile alle chiavi combinate ma con anelli tagliati per permettere la presa di dadi con tubi di raccordo; chiavi a T, utilizzata soprattutto per le candele dell’automobile, dalla lunga impugnatura e con un’asta di manovra disposta a T rispetto a questa; chiavi a tubo, con una o entrambe le estremità a forma esagonale o poligonale, ma per ruotarle è necessario l’ausilio di una barretta d’acciaio o di un cricchetto, da infilare nell’apposito occhiello; chiavi a pipa, simili alle chiavi a tubo ma piegate di 90° e con entrambe le estremità della stessa misura; chiavi a settore, dalla forma di settore a mezzaluna con nasello di ripresa; chiavi a croce, utilizzate soprattutto per allentare i dadi delle ruote delle automobili.

Ti voglio ricordare, inoltre, che anche le chiavi a bussola e le chiavi dinamometriche, di cui ho già ampiamente parlato precedentemente, rientrano tra le chiavi di manovra.

Infine, per combinare i benefici di chiavi di manovra e cricchetti, esistono anche delle chiavi di manovra combinate con cricchetto reversibile integrato! Il che vuol dire che adesso è possibile serrare anche usando questo particolare tipo di chiave di manovra, selezionando il verso di serraggio tramite levetta oppure capovolgendo l'attacco quadro. Inoltre, puoi trovare queste chiavi combinate a cricchetto anche nella versione snodata, per poter lavorare anche negli spazi più difficili. Insomma, in catalogo puoi trovare il modello più adatto alle tue esigenze!

Come sempre, ma non mi stancherò mai di dirlo, la qualità è un attributo importantissimo. Infatti, chiavi di scarsa qualità non solo non consentono una buona presa, ma rendono anche più difficoltoso il vostro lavoro. Inoltre, essendo costruiti in materiali poco resistenti, rischiano anche di rompersi mentre serrate i vostri bulloni, provocando danni a voi stessi, chi vi sta attorno e l’oggetto su cui state lavorando. Anche per questi motivi, gli utensili che ho selezionato da inserire in catalogo sono frutto della progettazione e degli avanzati studi dei dipartimenti di ricerca e sviluppo, per garantirvi sicurezza ed alte prestazioni in ogni momento della vostra lavorazione e non tradirvi mai nel momento del bisogno.

Condividi
Aggiungi un commento

 (con http://)