Condividi
reply Back

BATTERIA DELL'AUTO SCARICA: COSA FARE? TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE

Pubblicato il : 24/05/2018 10:33:18
Categorie : Mister Worker consiglia

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente sei rimasto a piedi perché la batteria della tua auto si è scaricata e ti stai chiedendo come fare per ricaricarla e ripartire. I consigli di Mister Worker ti aiuteranno a capire cosa fare se la batteria dell’auto è scarica, cosa guardare per capire come risolvere il problema e cosa serve per far ripartire la batteria auto.

Batteria auto scarica, cosa fare?

Innanzitutto, bisogna sapere cosa scarica la batteria dell’auto. Fari accesi con motore spento, auto ferma per molte ore con temperature troppo alte o troppo basse oppure inutilizzata per un periodo prolungato, utilizzo troppo prolungato dello stereo, quattro frecce lasciate accese ad auto ferma… questi sono solo alcuni esempi. Ricordati sempre di spegnere tutte le luci prima di scendere dall’auto e, se prevedi di lasciarla ferma per mesi, scollega la batteria: in questo modo eviterai dispersioni di corrente inutili che potrebbero scaricarla.

Poi, è molto utile anche capire come funziona e cosa contiene la batteria auto: si tratta di un dispositivo per l’accumulo di energia elettrica simile a una pila, costituita da un elettrodo positivo e uno negativo, immersi in una sostanza elettrolita. Ogni volta che la batteria auto è in funzione, tra gli elettrodi si sviluppa una corrente che, col tempo, converte il piombo contenuto in solfato di piombo: alla lunga, questa sostanza può rendere la batteria inutilizzabile, ricoprendo l’elettrodo negativo con una patina bianca. In questo caso, bisogna sostituirla con una nuova.

Se ti stai chiedendo cosa mettere nella batteria auto per migliorarne la resa, la risposta è più semplice di quanto pensi: acqua distillata! Tuttavia, il rabbocco della batteria auto è possibile solamente in presenza di un tappo blando, ossia un tappo che può essere facilmente tolto per permettere il travaso dell’acqua e poi rimesso senza difficoltà. Se il tuo modello ne è sprovvisto e non hai la strumentazione adeguata, rivolgiti a un meccanico: cercando di forzarlo potresti manomettere la batteria e causare un grave danno all’automobile.

Cosa fare se la batteria dell’auto è scarica?

Sebbene l’intervento di un elettrauto sia la scelta migliore, capita spesso di non avere la possibilità di raggiungere un’officina meccanica e, quindi, di doversi arrangiare. Per fortuna, quello della batteria scarica è un problema che si può risolvere abbastanza in fretta, anche senza l’intervento di un esperto.

Come prima cosa, verifica che il problema non sia il motorino di avviamento: se il quadro si accende ma il motorino no, potrebbe essersi bloccato per via di temperature elevate. In questo caso, lascia il motore spento, estrai la chiave e dai dei piccoli colpi al motorino di avviamento; a questo punto, prova a riavviare l’auto, che partirà al primo colpo nel caso in cui fosse stato quello il problema.

Se l’auto non riesce ancora a partire, significa che la batteria auto è completamente esausta, e bisogna procedere a ricaricarla o a far partire il motore per arrivare alla più vicina officina.

Per ripartire, le opzioni sono due:

  • La partenza a spinta: devi inserire e girare la chiave per accendere l’impianto elettrico, mettere la seconda e premere il pedale della frizione per agevolare chi spingerà l’auto. Quando raggiungerai una certa velocità dovrai lasciare il pedale della frizione, girare la chiave e ripartire, raggiungendo così l’elettrauto più vicino che provvederà a ricaricare la batteria.

Batteria auto scarica: partenza a spinta

  • L’utilizzo di cavetti e l’aiuto di una seconda auto: devi collegare un’estremità del cavo rosso al polo positivo + dell’auto con la batteria carica e l’altra estremità al polo positivo + della tua auto. Successivamente devi collegare il cavo nero ai poli negativi - di entrambe le vetture. Dopo aver collegato i cavetti potrai ricaricare la tua batteria auto: l’auto carica deve avere il motore acceso, che deve raggiungere almeno i 2000 giri al minuto, in modo da dare la giusta spinta per ripartire alla batteria scarica. Una volta che il motore è ripartito, scollega prima il cavo nero e poi quello rosso.

Batteria auto scarica: cavetti

Cosa ricarica la batteria dell’auto

Un altro metodo diffuso per ricaricare la batteria auto e ripartire velocemente è quello di utilizzare un avviatore di emergenza, meglio conosciuto come booster di avviamento. Si tratta di un dispositivo elettrico che trasmette energia e regolarizza la tensione di energia, ponendo rimedio a casi in cui ci si trova con la batteria scarica e non si sa cosa fare. Essendo uno strumento di dimensioni e peso ridotti, può comodamente essere messo nel baule, per consentirti di viaggiare tranquillo. Inoltre, il booster genera corrente pulita e non danneggia minimamente l’impianto elettrico del veicolo, motivo per cui è l’utensile perfetto per le emergenze e dovrebbe essere presente in ogni auto.

Ma come funziona una avviatore di emergenza? Si tratta di uno strumento munito di batteria a 12V, con una capacità di erogazione di corrente pari a massimo 2250 A. È dotato di cavetti con pinze, che devono essere collegati in maniera appropriata alla batteria dell’auto: come abbiamo visto poco fa, il cavo rosso va collegato al polo positivo +, mentre il cavo nero al polo negativo -. A questo punto è necessario provare ad accendere l’auto: se il motore riparte, puoi scollegare i cavetti e ripartire in totale tranquillità! Se, invece, l’auto non dovesse riavviarsi, probabilmente il problema non riguarda solamente la batteria e devi quindi rivolgerti al soccorso stradale.

Batteria auto scarica: booster di avviamento

Per evitare di trovarti con la batteria auto esausta, ricordati sempre di effettuare controlli periodici sulla tua auto, soprattutto se effettui numerosi viaggi a lunga distanza. Benché quello della batteria scarica sia un problema molto diffuso e facilmente risolvibile, è sempre meglio evitare di trovarsi in situazioni spiacevoli, soprattutto mentre si viaggia. 

Condividi
Aggiungi un commento

 (con http://)